Myrta Merlino colta di sorpresa biascica in diretta: “Verrano presi a calci” [VIDEO]

Bordate incendiarie a “L’aria che tira”: la conduttrice Myrta Merlino resta senza parole dopo l’infuocata filippica in diretta.

Myrta Merlino
Myrta Merlino (fonte La7)

Come di consuetudine, anche oggi Myrta Merlino ha accompagnato gli spettatori di La7 in un viaggio negli approfondimenti su politica e attualità. Comprensibilmente, l’argomento caldo delle ultime ore è stato il bilancio deludente del Referendum Giustizia fissato per domenica 12 giugno.

L’adesione alle urne da parte della popolazione ha segnato un minimo storico, e tale risultato è sintomatico di una grave assenza di fiducia nei confronti delle Istituzioni. Il quorum non è stato raggiunto, e l’affluenza di è fermata ad un sconfortante 20,9%. La conduttrice de “L’aria che tira” ha analizzato i dati estrapolati dai sondaggi assieme all’opinionista Maria Giovanna Maglie, presente in collegamento. La saggista veneziana ha espresso con tono lapidario il suo disappunto per la mancata adesione da parte dei cittadini, profilando loro un futuro assai preoccupante.

Myrta Merlino chiama in causa Maria Giovanna Maglie, la reazione è epica

Maria Giovanna Maglie
Maria Giovanna Maglie (fonte youtube)

Da diversi giorni la bionda saggista veneta utilizza il suo account di Twitter per invitare al voto gli utenti della rete. Ha infatti recentemente condiviso con i follower queste parole: “SI. Domani segnatelo 5 volte sulle schede. Smettiamo di essere in libertà provvisoria“. L’opinionista, in seguito, non ha nascosto la sua delusione per il mancato raggiungimento del quorum, e ha twittato indignata: “La colpa è di chi non è andato a votare, fino in fondo!“.

Con gran sconcerto di Myrta Merlino, Maria Giovanna Maglie ha ribadito in diretta: “Sai, io non avevo nessuna speranza. Per quanto riguarda i tweet, avevo la convinzione che non sarebbe andata bene da mesi. Ma sì, diamo la colpa alla guerra, la colpa non è della guerra. La colpa è sicuramente della politica inetta, dei media che non se ne sono occupati minimamente, ma anche degli italiani, che d’ora in poi passeranno le loro giornate a lamentarsi della mala-giustizia, e verranno presi a calci nel sedere!“.

L’intervento ha paralizzato per qualche secondo la conduttrice del talk-show, che ha poi commentato: “Esistono degli elementi, di quello che hai detto, è stato un referendum che è stato un po’ depotenziato…“.