“Si è bevuto il cervello”: Giovanni Floris che caos, non riesce a fermarlo [video]

Giovanni Floris ha condotto ancora in collegamento e da casa non riesce a fermare il grande caos in studio e nemmeno l’onda di veleni.

Giovanni Floris
Il conduttore di Di Martedì (You tube screenshot)

Giovanni Floris ha appena condotto un’altra puntata in collegamento da casa e non riesce a fermare il caos che si genera in studio. Vediamo insieme cos’è successo nelle ultime ore.

Il conduttore di Di Martedì continua il suo lavoro anche da casa, dopo che annunciato la settimana scorsa di aver scoperto di essere positivo al covid-19. Per lo studio e per il pubblico però non è esattamente la stessa cosa, inoltre molti utenti notano un po’ di stanchezza da parte del giornalista.

Forse anche per questo motivo Floris ha fatto fatica, secondo il parere di qualcuno, a mantenere l’equilibrio dei contradditori nel suo studio di La 7, che si distinguono per essere sempre molto accesi. Tra gli ospiti di ieri sera c’erano Giulio Terzi e Alessandro Di Battista. Quest’ultimo però non è riuscito per svariati minuti ad intervenire, nonostante i ripetuti inviti di Floris. Il conduttore si è trovato in mezzo ad un gran caos e dai commenti degli spettatori sui social, pare che in molti abbiano cambiato canale. Non è facile per Floris in collegamento riuscire a tenere le fila del programma e nemmeno coordinare correttamente gli ospiti tra loro. Qualche spettatore si innervosisce e riversa le sue critiche su Twitter: “Si è bevuto il cervello”.

Giovanni Floris: la conduzione di casa è un flop

Giovanni Floris
Il giornalista conduce da casa (You tube screenshot)

Sappiamo che gli spettatori possono essere molto velenosi e spietati, ma la critica rivolta a Giulio Terzi non è niente in confronto all’imbarazzo di Floris che non riesce in alcun modo a fermarlo, per fare intervenire Di Battista, scalpitante sulla sedia.

Le penne, anzi le tastiere, di molti telespettatori si incendiano e incolpano il conduttore di non saper tenere a bada il suo studio. In molti si augurano che già da martedì prossimo il conduttore possa tornare fisicamente a La 7 e riproporre il suo talk show in modo equilibrato e senza caos di ieri.