“Peggio di un animale!”: figuraccia colossale in diretta da Giovanni Floris, richieste dimissioni immediate [VIDEO]

Luigi Di Maio, ospite di Giovanni Floris, si lascia scappare un’espressione fuori luogo e scoppia la polemica sul web: ecco i dettagli.

Floris
Giovanni Floris (screenshot YouTube)

Il Ministro degli Esteri Luigi di Maio è stato ospite a “Dimartedì”, condotto da Giovanni Floris. Argomento centrale è stato il conflitto tra Russia e Ucraina e Di Maio ha deciso di dire la sua circa la delicata situazione.

Il Ministro ha spiegato l’importanza della presenza italiana in campo, sottolineando come la nostra nazione sia impegnata per la pace, a differenza di Putin che, stando alle sue parole, “vuole solo la guerra”. Tuttavia, nel corso dell’intervista, ha pronunciato un’espressione infelice che ha scatenato una vera e propria polemica sul web.

“Vergogna”: situazione fuori controllo, scoppia il caos su Twitter

Di Maio
Di Maio e Floris (screenshot Twitter)

Nel corso dell’intervista, Di Maio si sarebbe riferito a Putin utilizzando un’espressione fuori luogo che ha indignato il mondo del web. Il tutto si è verificato quando Floris ha esposto al Ministro un proverbio “Quando picchi il cane lasciati la porta della stalla aperta dietro perché gli devi dare l’occasione di scappare”, domandandogli quale fosse l’occasione data a Putin.

Di Maio ha controbattuto affermando: “Io sono animalista e penso che fra Putin e qualsiasi animale ci sia un abisso e sicuramente quello atroce è lui”. Le sue parole, pronunciate in un momento particolarmente delicato, non sono state viste di buon occhio dai telespettatori.

Dal web si è alzata a gran voce la richiesta di dimissioni del Ministro che, con la sua frase, avrebbe “messo l’Italia in una posizione critica e poco diplomatica”. Sono centinaia, infatti, i tweet che hanno duramente criticato Di Maio.

”Dopo la figuraccia planetaria che ha fatto a Dimartedì e in un momento così delicato, le dimissioni sarebbero il minimo. Si vergogni, nel suo ruolo certe esternazioni non andrebbero fatte. Se questa è la diplomazia che sappiamo mettere in campo, l’Ucraina è in guai seri”, ha scritto un utente su Twitter.

Come risponderà il Ministro alle dure accuse del popolo del web? Non ci resta che attendere per saperne di più.

Gestione cookie