“In galera a vita!”: scandalo in diretta da Mario Giordano, scoperto il documento segreto [VIDEO]

Servizio shock di “Fuori dal coro”, Mario Giordano svela tutta la verità e il popolo del web non ci sta: ecco tutti i dettagli della vicenda.

Giordano
Mario Giordano (fonte: La Notizia Giornale)

Durante la puntata di ieri di “Fuori dal coro” è stato trasmesso un servizio che ha shoccato il popolo del web e i telespettatori.
Sembrerebbe, infatti, che all’ospedale Galeazzi di Milano non sia possibile essere operati in assenza del Super Green Pass.
Il documento che attesta la validità di questa informazione sarebbe stato firmato da un medico molto noto sul web. 

“Va denunciato”: popolo del web si ribella, scoppia la polemica

Frame
Un frame del servizio: l’inviato si reca all’ospedale Galeazzi per saperne di più (screenshot Twitter)

Il servizio mandato in onda da Mario Giordano, sin da subito, ha scatenato grosse polemiche tra i telespettatori.
In collegamento un inviato che spiega che, negli scorsi giorni, sono arrivate moltiplici segnalazioni di pazienti non vaccinati in attesa da mesi di un intervento chirurgico all’Ospedale Galeazzi.
La struttura, però, rifiuta chiunque non possieda il Super Green Pass, sostenendo che il professor Pregliasco, direttore sanitario del Galeazzi, ha firmato un documento ufficiale che attesta quanto appena detto.

Durante una chiamata con l’ospedale stesso, un operatore informa il giornalista che si tratta di una vera e propria comunicazione ufficiale diffusa via mail a tutti i collaboratori dell’ospedale.
”Nel rispetto anche del paziente che non è vaccinato, preferiamo dare la precedenza a chi è stato vaccinato”, afferma l’operatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> ”Qualcuno mi può aiutare?!”: Mario Giordano ha le ore “contate”, costretto ad abbandonare?

La notizia di quanto accaduto ha sconvolto il web che ha immediatamente commentato la vicenda su Twitter: “E adesso da subito, non da domani, si deve intervenire. Sennò chi non vuole è complice, come dice Mario Giordano!”, scrive un utente.
“Devono essere in possesso della terza dose?! Come se una terapia medica fosse un documento da possedere! In un paese normale il dottor Pregliasco ne risponderebbe un tribunale, invece domani sarà sicuramente in Tv”, commenta un altro.

Pioggia di critiche, dunque, per il professor Pregliasco e per le sue scelte, definite dai telespettatori come “di una gravità inaudita e da denuncia”.
Il diretto interessato commenterà la vicenda? Non ci resta che attendere per saperne di più.