Bianca Berlinguer perde le staffe: “Ma come fa a dirlo?”, l’ospite spara a zero [VIDEO]

A “Carta bianca” è pieno scontro ideologico: Bianca Berlinguer costretta ad intervenire, dopo le bacchettate di Franco Di Mare.

Bianca Berlinguer
Bianca Berlinguer (fonte youtube)

La conduttrice di RAI 3 Bianca Berlinguer è da poco riemersa da un’infuocata polemica, dopo la severa reprimenda del Direttore di rete Franco Di Mare. La padrona di casa di “Carta bianca” è stata coinvolta di riflesso nell’ormai celebre “caso Orsini“, argomento poi rimbalzato su tutti i principali quotidiani e rotocalchi.

Alessandro Orsini, chiacchierato docente della Luiss, aveva infatti esposto a “Carta bianca” opinioni sgradite ai diktat governativi, e gli era stata contestata la frase “preferisco i bambini sotto dittatura, piuttosto che sotto le bombe“. A nulla era valso il tentativo di argomentare tale, palese provocazione: Franco Di Mare si era stracciato le vesti pubblicamente, additando i talk-show come potenziali ricettacoli di facili sensazionalismi. Bianca Berlinguer ha di rimando rivendicato la sua facoltà di accogliere chi meglio crede nel suo talk, e ha nuovamente invitato il controverso Orsini. Il risultato è stato un clamoroso pasticcio mediatico, nuovamente legato alle provocazioni del docente.

Orsini cita il fascismo in diretta, sonoro sobbalzo per la conduttrice Bianca Berlinguer

Carta bianca
lo studio di Carta bianca (fonte twitter)

Nuovamente accolto nel parterre di “Carta bianca”, Alessandro Orsini ha dato il la ad un intervento quanto meno scoppiettante. L’accademico ha infatti dichiarato che, continuando a finanziare il conflitto tra Russia ed Ucraina, le probabilità che il Cremlino decida di ricorrere al nucleare aumentano esponenzialmente. Questa temibile prospettiva, secondo Orsini, condurrebbe allo sfascio l’intera Europa, con conseguenze deleterie per il pianeta. Bianca Berlinguer ha quindi ribadito il diritto di autodeterminazione dei popoli, sostenendo che l’Occidente non può arrogarsi il diritto di decidere per la sorte dei bambini ucraini, lasciandoli alla loro sorte. “Ma come fa a dirlo che non gliene frega niente dell’autodeterminazione dei popoli?“.

Orsini ha replicato, precisando che il diritto ad un’infanzia felice supera di gran lunga il volere dei vari Stati e il diritto all’autodeterminazione, spingendosi poi ad un parallelismo quanto meno spinoso. Il docente ha infatti ricordato che il nonno, vissuto in epoca fascista, aveva trascorso serenamente la sua infanzia. Bianca Berlinguer ha immediatamente intercettato le sue dichiarazioni, esortandolo: “Si spieghi bene…“. La conduttrice probabilmente teme ulteriori ripercussioni dai vertici di RAI 3, e cerca di evitare potenziali gineprai in diretta. Ecco il video del confronto:

La frase di Orsini, pur pertinente e non inneggiante al fascismo, è già rimbalzata sulle principali testate, invadendo a macchia d’olio anche i social. Franco Di Mare prenderà altri severi provvedimenti nei confronti del programma “Carta bianca“?

Gestione cookie