“Ma come si fa?!”: Fabio Dragoni alza i toni alle stelle, tensione massima in diretta[VIDEO]

Una discussione che finisce in lite dai toni accesi ha coinvolto Fabio Dragoni a Di Martedì. Succede tutto in diretta, che caos

Fabio Dragoni
Fabio Dragoni sbotta e esplode la lite (Youtube)

Nonostante sia iniziato ufficialmente il Festival di Sanremo, che sa monopolizzare i talk show a livelli che nessun altro evento riesce a fare, anche la pandemia continua a essere un grande tema di discussione. A Di Martedì ieri sera si discuteva ancora del green pass, lo strumento politico-sanitario introdotto per monitorare la situazione pandemica in Italia.

 

Fabio Dragoni, giornalista de La Verità, ieri sera ha commentato in diretta la situazione economica alla luce del green pass ma un semplice discorso si è trasformato in una discussione dai toni accesi.

Fabio Dragoni non si trattiene e scoppia la discussione

Fabio Dragoni
Fabio Dragoni a Di Martedì non si trattiene, delirio in diretta (Screen da Twitter)

A Di Martedì, condotto da Giovanni Floris, in questi ultimi due anni si è parlato molto della situazione pandemica e sanitaria in Italia. Le scelte fatte dal nostro paese per contenere i contagi, infatti, ricadono inevitabilmente anche in molti altri ambiti, come quello politico ed economico. Uno dei temi più recenti riguarda il Green Pass e gli effetti che il certificato può avere sull’economia statale e locale.

Secondo Fabio Dragoni, infatti, il certificato di avvenuta guarigione o di vaccinazione eseguita è deleterio per la ripresa economica del paese. “Mi dica il candidato come si fa a rilanciare l’Economia chiedendo a una persona, per entrare a farsi i capelli, di farsi prima un tampone da 15 euro. E’ con queste parole che il giornalista ha provocato e stuzzicato gli altri ospiti della trasmissione, simulando anche di star conducendo un esame.

Dal canto suo, il suo avversario Luca Solfri ha commentato queste parole con delle affermazioni altrettanto decise e pungenti. “È nato un professionismo dell’anti-vax e dell’anti-green pass che rende visibilità, vendite di copie e rende consensi politici” ha commentato. A Dragoni, poi, ha rivolto una frecciatina molto chiara: “Siete diventati il primo quotidiano del centrodestra“, riferendosi al quotidiano La Verità per cui lavora.

Insomma, la discussione è stata bella accesa e i due contendenti non si sono di certo trattenuti. Come spesso accade, questa lite verbale non si è conclusa in un nulla di fatto e il confronto, che poteva essere una buona occasione di riflessione, è diventato un vociare eccessivo e cacofonico.